Flowe

MERCATO: Servizi Finanziari

ANNO: 2021

flowe app money card

OVERVIEW

Flowe S.p.A. è il nuovo Istituto di Moneta Elettronica (IMEL) del Gruppo Mediolanum che si distingue per essere Società Benefit e Carbon Neutral:

“Siamo una delle pochissime istituzioni finanziarie ad avere statutariamente anche un obiettivo sociale, quello di educare le nuove generazioni ai principi della sostenibilità, della responsabilità finanziaria e dello spirito imprenditoriale”

Roberto Sommacal – Flowe Experience Design Perspective Practitioner.

L’app Flowe – il perno su cui ruotano tutti i servizi dell’azienda ai propri clienti – lanciata ufficialmente a giugno 2020, ha raggiunto i suoi primi 100.000 clienti in meno di 5 mesi e chiuso l’anno a quota 680.000: un vero e proprio record.

L’app offre agli utenti strumenti per sviluppare il proprio potenziale non solo nel campo del banking – con strumenti semplici, intuitivi e accessibili anche ai più giovani – ma anche in quello del better-being – con tool di misurazione dell’impatto ambientale attraverso le spese, contenuti motivazionali e di orientamento alla crescita personale e professionale.

LA SFIDA

Le ragioni del successo di Flowe vanno ricercate nella visione avanguardistica del progetto e nelle eccellenti performance tecnologiche dell’app.

Per rispondere positivamente alle aspettative degli utenti era necessario adottare un’architettura “leggera” e coinvolgere partner capaci di garantire i massimi standard tecnologici e qualitativi, a partire dall’onboarding.

Per questo, Flowe ha scelto la competenza e l’esperienza di InfoCert (Tinexta Group), la più grande Autorità di Certificazione a livello europeo.

“Quando abbiamo iniziato a sviluppare l’app, avevamo ben in mente quali dovessero essere i livelli minimi di servizio da assicurare. Innanzitutto, un tempo inferiore a quello di riferimento da benchmark, cioè 8 minuti, per l’apertura del conto e, peraltro, con contestuale fornitura di IBAN e PAN della carta. Poi, un’esperienza d’uso totalmente in app con minimizzazione delle digitazioni e senza necessità di intervento umano. Infine, un servizio disponibile tutti i giorni e senza interruzioni, compresi la notte e i fine settimana”.

Roberto Sommacal – Flowe Experience Design Perspective Practitioner.

LA SOLUZIONE

Con l’onboarding di InfoCert salire a bordo di Flowe è davvero semplice, anche per i più giovani.

Scaricata l’app, si certifica il proprio numero di telefono e si imposta una password che permette di interrompere e riprendere il processo di attivazione in qualunque momento. Si certifica anche il proprio indirizzo email e, consultato e scaricato il materiale precontrattuale e relativo alla privacy, è il momento di inserire il proprio codice fiscale e procedere alla trasmissione dei dati personali.

“È a questo punto del processo che entra in gioco InfoCert. L’acquisizione del documento d’identità dell’utente avviene in modalità OCR Optical Character Recognition, ossia con il riconoscimento automatico dei caratteri scritti sul documento, senza necessità di alcun intervento umano. Per chi fosse in possesso della Carta d’Identità Elettronica, inoltre, è disponibile anche la lettura NFC Near Field Communication del documento”.

Roberto Sommacal – Flowe Experience Design Perspective Practitioner.

Effettuate dal sistema le opportune verifiche, è il momento del selfie, estratto direttamente dal software durante lo streaming e convalidato da InfoCert attraverso il cosiddetto Liveness Check.

“Per concludere la procedura, il pdf del contratto da sottoscrivere viene inviato al richiedente, unitamente alla Firma Digitale InfoCert, presso il recapito email da lui indicato. Ovviamente, nel caso in cui la richiesta provenisse da un minore, quest’ultimo passaggio coinvolgerebbe i suoi genitori o tutori”.

Roberto Sommacal – Flowe Experience Design Perspective Practitioner.

Grazie a InfoCert, Flowe ha snellito e velocizzato anche una serie di altre procedure “core”, ad esempio i controlli di back office, che possono essere espletati sulla base di dati già acquisiti, verificati e certificati.

“Rivolgerci senza esitazioni a InfoCert ci è parsa pertanto la scelta più logica, perché era l’unica realtà capace di garantirci la flessibilità necessaria a rispondere alle esigenze di performance che ci eravamo posti”.

Roberto Sommacal – Flowe Experience Design Perspective Practitioner.